DE...scrivere

La cultura non è un lusso, è una necessità.

Louis de Funès

Pubblicato su 19 Dicembre 2011 da Desirée Nocentini in CINEMA & TV

 

de-funes.jpgLouis Germain de Funès de Galarza è nato a Courbevoie il 31 luglio 1914 dall’avvocato Carlos Luis de Funès de Galarza e Léonor Soto Reguera, . Nel 1936 Louis sposò Germaine Louise Elodie Carroyer e l’anno dopo divenne padre di Daniel Charles Louis. Dopo il divorzio, nel 1943 Louis si risposò con Jeanne Augustine Barthélèmy, pronipote di Guy de Maupassant che gli ha dato due figli: Patrick Charles e Olivier Pierre. Iniziò la carriera facendosi notare in Divenne pianista, e fece buon uso delle sue capacità di pianista in Colpo grosso ma non troppo e Beato tra le donne, tanto che fu ingaggiato da Sacha Guitry. Recitò poi in Ah! Les belles Bacchantes, Il montone a cinque zampe e La legge del più furbo del 1957, dove interpreta il ruolo del bracconiere che gli vale il titolo di migliore comico e nel 1959 girò due film con Totò: I tartassati e Totò ed Eva e il pennello proibito. La consacrazione presso il grande pubblico avvenne nel 1964 con la serie dei Gendarmi, Una ragazza a Saint-Tropez e soprattutto con Colpo grosso ma non troppo in cui apparve accanto a Bourvil. Nel 1967 girò Tre uomini in fuga (film francese che detenne il record di biglietti venduti al botteghino in Francia  fino all’uscita di Titanic nel 1998) e tornò alla carriera teatrale presso il Palais-Royal fino al 1972. La sua altalena tra cinema e teatro proseguì passando da Le folli avventure di Rabbi Jacob alla commedia degli Champs Elysées, la sua ultima apparizione in teatro dopo la quale si prese un periodo di riposo nel castello di famiglia nella Loira Atlantica in vista delle impegnative riprese per Le Crocodile nel 1975 durante le quali ebbe un infarto che stroncò la sua carriera. Con L'ala o la coscia?  Louis de Funès riuscì ad ottenere un'assicurazione per le riprese e ricominciò a recitare in film come La Zizanie nel 1978 e Il gendarme e gli extraterrestri nel 1979. Nel 1980 portò il teatro sul grande schermo con L'avaro di Molière e nonostante lo scarso successo, nello stesso anno Jerry Lewis gli consegnò il César alla carriera. L’ultimo capitolo come attore fu Le Gendarme e les gendarmettes, del 1982 per poi spegnersi a Nantes il 27 gennaio 1983. Louis de Funès è stato un genio della comicità francese che si è sempre travestito per rendere i suoi personaggi ancora più divertenti, in contrasto con la loro indole collerica contro il mondo. Grazie alle sue smorfie e al suo carattere invasivo, Fufu ha fatto ridere tre generazioni di spettatori dal 1945 al 1982.

Commenta il post

kristy 12/21/2011 21:34

Io personalmente non amo il cinema francese, è piuttosto noioso, ma lui in qualche film è stato davvero forte...........